giovedì, febbraio 21, 2019
Home > Rubriche > Series’Tunes – Big Little Lies 1X07 – #18 #Passion

Series’Tunes – Big Little Lies 1X07 – #18 #Passion

La rubrica musicale per appassionati seriali.

La musica racconta una storia, che altrimenti gli occhi, non potrebbero vedere. 

 

Ottobre è finalmente arrivato, ed insieme alle zucche, alle castagne e all’ora legale, sono tornate anche le nostre amate serie tv. Finalmente potremo barricarci in casa, sul divano, con i calzini felpati e il pc sulle gambe senza che amici o parenti, pensino a come farci ricoverare in una qualche sperduta clinica di recupero per spostati di mente.

E quindi eccomi di nuovo qua, pure io, i miei super-poteri sono tornati

 e con loro anche la mia rubrica di vaneggiamento musicale.

Da dove iniziare se non con la novità degli Emmy awards 2017?

“Outstandig Music Supervision”, questo è il nome del premio che per la prima volta, quest’anno, è stato assegnato ad una nuova categoria: i  Supervisori musicali, una sorta di deejay delle serie tv, da non confondersi con i compositori musicali.

Se quest’ultimi infatti, sono chiamati a comporre spesso musiche per singole scene, si pensi ad esempio alla musica appositamente scritta da Ramadin Djawadi per la Battaglia dei bastardi in Games Of Thrones; i supervisori musicali hanno, invece, una visione completa della storia, del suo sviluppo e anche dei singoli personaggi. Lavorano fianco a fianco con gli autori stessi, alle volte anche coi loro registi, e oltre ad avere una profonda conoscenza musicale, devono venire a patti con budget di produzione, diritti d’autore dei singoli pezzi scelti e dictat autoriali. Tanto per chiarirvi le idee, una volta che il supervisore ha scelto il pezzo e lo ha fatto approvare agli autori, deve rintracciare chi ne detiene i diritti,  chiederne lo sfruttamento, concordarne il prezzo e rientrare nel budget. Insomma sembra siano professionisti, dotati di una grande, enorme pazienza, nonché di una buona dose di magia.

Susan Jacobs, è  la prima vincitrice di questo Emmy,  ed è il supervisore musicale di Big Little Lies, la nuova e pluripremiata serie HBO, tratta dall’omonimo libro.

                                                 

Una serie, che celebra la forza delle donne, come singole ma soprattutto come gruppo.  Una forza che nasce proprio dalle loro fragilità, dai loro difetti, ma soprattutto dai loro errori. Tutto ciò che dovrebbe trascinarle a fondo fino a farle annegare, si trasforma in realtà in un  momento di violenta reazione e rinascita.

“Ma questa sarà l’ultima volta. Lui non ha realizzato che ha una forza della natura davanti a sè. Queste donne sono potenti. Insieme, loro sono potenti come l’oceano, e l’oceano è fottutamente incazzato” Cit. Director Jean-Marc Vallée 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E se l’oceano funge da colonna sonora portante, oltre che da protagonista stesso della storia, i pezzi scelti per questa serie hanno  soddisfatto molteplici scopi. In BLL, ogni personaggio ha difatti,  una propria identità strumentale, alcuni motivi musicali coincidono specificatamente con ogni donna. La musica non solo ha sostenuto la storia raccontata, ma addirittura alle volte, racconta la storia stessa. Questo è stato il fantastico risultato, del lavoro fianco a fianco di Susan con il regista Jean Marc Vallée, iniziarono dalla pre-produzione.

L’episodio nominato per il premio in questione, non poteva che essere il finale di stagione, “You get what you need”, in cui i vari protagonisti si cimentano a catare alcune delle più belle canzoni di Elvis Presley. 

Personalmente ho adorato l’esibizione di Ed Mackenzie, il dolce, pacato e indifeso secondo marito di Madeline, che dopo uno shottino trova il coraggio di fare una serenata pubblica a Madeline, la quale nello stesso momento confessa all’amica di averlo tradito. Ed affida il suo messaggio d’amore, alle parole della meravigliosa “The wonder of you” di Elvis rilasciata nel 1970,  per l’occasione riarrangiata e cantata da Connor O’Brien, membro dei Villagers.

The wonder of you – Elvis Presley 

When no-one else can understand me
When everything I do is wrong

Quando nessuno riusce a capirmi
quando ogni cosa che faccio è dura

You give me hope and consolation
You give me strength to carry on

tu mi dai speranza e consolazione
tu mi hai dato la forza di andare avanti


And you’re always there to lend a hand
In everything I do
That’s the wonder

e tu sei sempre lì per fasciarmi la mano
in ogni cosa che faccio
questo è meraviglioso
la tua meraviglia


The wonder of you
And when you smile the world is brighter
You touch my hand and I’m a king
Your kiss to me is worth a fortune

e quando tu ridi al mondo che è rotto
tu mi tocchi la mano e divento un re
il tuo bacio mi è come un porta fortuna

Your love for me is everything
I’ll guess I’ll never know the reason why

il tuo amore per me è ogni cosa
credo che non saprò mai il motivo
You love me like you do
That’s the wonder
The wonder of you

tu mi ami come lo fai
questo è meraviglioso
la tua meraviglia

Ascoltate il pezzo, e trovate anche voi il modo ed il momento, di poterlo far ascoltare alla persona che più amate.

Se la vita potesse avere una colonna sonora, la vostra quale sarebbe?

See you soon, Passion

 

Commenti

www.000webhost.com